Home
Sindaco e Giunta
Consiglio
Uffici comunali
Indirizzi e numeri utili
Posta certificata
Rassegna stampa
Amministrazione trasparente
Albo pretorio
Incarichi esterni
Provvedimenti adottati
Suap Comune Milo
Aliquote IMU-TASI
Servizi demografici
Avvisi ... Comune di Milo
Pubblicazione ex art. 1 comma 32 legge 190/2012
Patto dei sindaci
Consultazione Pubblica Rapporto Ambientale VAS PRG MILO
Comunicazione ai fornitori - fatturazione elettronica
servizio civile nazionale
 
Fornazzo villaggio ideale d'Italia

Anche i sassi parlano in alcuni luoghi. A Fornazzo, piccolo borgo di Milo, parlano del lento scandire del tempo, dell'immutabile ritorno delle stagioni e del lavoro tenace degli uomini. Eletto nel '92 Villaggio Ideale d'Italia, Fornazzo custodisce, geloso, il suo animo tranquillo e felice che gli ha portato tale riconoscimento. Arroccato a 800 metri sul livello del mare Fornazzo è conosciuto dai molti per le ferite con le quali, più volte in questo secolo lo ha segnato il vulcano “a muntagna” come la chiamano i Fornazzesi.

Trecentoventi abitanti, pochi giovani, pochissimi bambini ma freschi, genuini e felici di abitare un luogo che offre loro boschi in cui costruire minuscole piattaforme sugli alberi con tanto di tetto e porticina d'ingresso. Qui il tempo non ha mutato la serena bellezza dei luoghi che, ricchi di abeti, larici, pini, faggi e castagni offrono quiete e insieme sostentamento alla gente che vi dimora. Sono le segherie artigianali, infatti, ad essere ancor oggi la principale e fiorente attività di sviluppo economico. Ma nel passato i terreni boschivi di queste contrade hanno dato vita ad un altro antico mestiere ancor oggi praticato: il carbonaio. Il progresso tecnologico ha invece fatto scomparire il mestiere che è l'origine stessa del piccolo borgo: il lavoratore della neve. Oggi soltanto i vecchi ne ricordano la figura. “U mastru da nivi” era colui che in inverno ammassava la neve in buche larghe e profonde rivestite in pietra lavica adatte a conservare la neve, così compattata, fino all'estate quando tagliata in blocchi alimentava un vero e proprio commercio del ghiaccio. A testimonianza di questa ricca attività sono rimaste due Tacche facilmente raggiungibili e in perfetto stato: la “tacca u favu” e la “tacca di munti Cirasa”.

La piccola Chiesa è votata al “Sacro cuore di Gesù” la cui festa ricorre la seconda Domenica di Luglio quando gli abitanti di Fornazzo e i tanti pellegrini si uniscono in processione fino al piccolo altarino che abbracciato dalla lava nel 1979 ne è uscito illeso. Di cicatrici laviche Fornazzo è piena ma insieme a queste convivono le dimore che costruite in armonia con la natura del paesaggio costituiscono un po' il trattato di pace che, implicito, nasce spontaneo tra uomini e vulcano. Tradizione vuole che un giorno un uomo edificò la proprio dimora accanto una grotta lavica, quell'onda di lava, quella grotta sembrava a chi la guardasse un grande forno: un “fornazzo”. Da allora il luogo in cui nasceva quella lingua di pietra ha assunto una nuova identità, quella che conserva ancora oggi. Forse non tutti i visitatori avvertono la magia o l'incanto della tranquillità che permea l'animo di chi qui vive ma anche al visitatore più distratto non potrà sfuggire il senso di pace e di eterno che questo luogo trasuda e. per chi più attentamente ascolta: un respiro, quello della montagna, viva.


Guida alle attività commerciali
Ciao Lucio
Seguici su Facebook
Il paese
ViniMilo 2015
Estate milese
Manifestazioni
Premio Musco
Premio Musco
Informazioni turistiche
Fornazzo villaggio ideale d'Italia
  La funivia di Don Puddu da Nivi
Gallerie fotografiche
Arte
NeT
Pro Loco
Gemellaggio
Etna Marathon
Biblioteca Milo