Home
Sindaco e Giunta
Consiglio
Uffici comunali
Indirizzi e numeri utili
Posta certificata
Rassegna stampa
Amministrazione trasparente
Albo pretorio
Incarichi esterni
Provvedimenti adottati
Suap Comune Milo
Aliquote IMU-TASI
Servizi demografici
Avvisi ... Comune di Milo
Pubblicazione ex art. 1 comma 32 legge 190/2012
Patto dei sindaci
Consultazione Pubblica Rapporto Ambientale VAS PRG MILO
Comunicazione ai fornitori - fatturazione elettronica
servizio civile nazionale
 
Il leccio secolare
Da Caselle all'Ilice di Pantano

Il sentiero

L'ilice secolare (quercus ilex) è il più grande e antico leccio di tutto il territorio etneo. Ha un'altezza di 25 metri, un diametro delle fronde di circa 30 metri ed una circonferenza alla base di 5 metri. Con un'età presunta di circa 700 anni, è, assieme al Castagno dei cento cavalli ed al Castagno della nave, fra i più antichi e maestosi alberi dell'Etna. Due sono i percorsi che portano all'Ilice, entrambi partono dal piccolo borgo di Caselle. Il primo si svolge lungo una strada a fondo naturale che ha inizio subito dopo il frantoio di Caselle; la strada è percorribile in auto con qualche difficoltà per alcune centinaia di metri fino ad una sbarra di ferro. Da questo punto ci si inoltra a piedi lungo una stradella che attraversa un boschetto di castagni, in direzione sud-ovest e consente di arrivare in meno di dieci minuti all'Ilice. Il secondo percorso è consigliato per chi ama camminare. Si attraversa Caselle, imboccando la prima strada a sinistra (via Carlino I°) qualche decina di metri dopo la piazzetta. La strada finisce dopo circa 300 metri. Meno di 100 metri prima della fine della strada, lasciate l'auto ed imboccate un sentiero a sinistra, proprio di fronte ad un grande caseggiato rurale; in meno di cinque minuti troverete un cancello di ferro che segna a sinistra l'ingresso del bosco e proprio di fronte al cancello una mulattiera in salita; imboccatela e in quindici minuti arriverete in un bosco di castagni, recentemente sottoposto ad un esteso taglio. Lasciate la stradella e inoltratevi lungo la pista di esbosco sino al grande leccio.

La Vegetazione
II sentiero attraversa una ricca vegetazione di castagni, ginestre, lecci e roverelle.

Ginestra
L'altezza della ginestra varia da 1 a 3 metri. Alto frutice, con rami a forma di giunco, grigio - verdi. Fiori odorosi per lo pi solitari in racemi terminali eretti, di color grigio brillante. I semi sono velenosi ci causa di un alcaloide in essi contenuto. Utilizzata, un tempo, carne pianta medicamentosa; i rametti vengono tuttora usati per intrecciare canestri. Fiorisce in aprile - luglio.

Castagno
II Castagno una pianto arborea. La sua altezza varia dai 20 ai 25 metri, Quando la pianta giovane, la corteccia liscia ed bruno-rossastra; coi passare dei tempo diventa rugosa. Le foglie sorto semplici, di colore verde scuro. i fiori unisessuali sono protetti da un involucro verde che costituisce il riccio. Fiorisce in giugno.

Leccio
II leccio una quercia sempre verde. L'altezza varia dai 20 ai 25 metri. Ho rami irregolari con chioma densa e ampia. La corteccia da giovane liscia ma poi diventa finemente screpolata e suddivisa in placche grigio - brune. Le foglie sono di colore verde scuro, lisce e lucide. Fiorisce in aprile - giugno.

Caratteristiche

Difficoltà: Facile

Quota di partenza: 800 m s.l.m.
Dislivello: 80 m.
Lunghezza del percorso: 1,6 km
Tempo di percorrenza: 1 ora


Guida alle attività commerciali
Ciao Lucio
Seguici su Facebook
Il paese
ViniMilo 2015
Estate milese
Manifestazioni
Premio Musco
Premio Musco
Informazioni turistiche
  Dove si trova
Come si arriva
Dove mangiare
Dove alloggiare
Le vie di Milo
Sentieri natura
  Monti Sartorius
Il leccio secolare
La grande nivera
Fontanelle del Milo
Monte Rinatu
Pineta Cubania
Fornazzo villaggio ideale d'Italia
Arte
NeT
Pro Loco
Gemellaggio
Etna Marathon
Biblioteca Milo