Home
Sindaco e Giunta
Consiglio
Uffici comunali
Indirizzi e numeri utili
Posta certificata
Rassegna stampa
Amministrazione trasparente
Albo pretorio
Incarichi esterni
Provvedimenti adottati
O.P.C.M 3907 - 2010
Aliquote IMU
Servizi demografici
Pubblicazione ex art. 1 comma 32 legge 190/2012
Patto dei sindaci
 
Francia, Italia, Polonia: 6 giorni insieme
Incontro a Milo dal 14 al 19 novembre 2007

Vivere la dimensione europea e dare l’opportunità ai nostri popoli che, per molti versi provengono da storie diverse, di confrontarsi e conoscersi al di là dei luoghi comuni era l’obiettivo base che si voleva raggiungere mediante questa esperienza di gemellaggio. In realtà possiamo ben dire che gli obiettivi raggiunti sono andati ben al di là di quelli sperati o semplicemente ipotizzati. Nei sei giorni in cui si è svolto il gemellaggio si respirava a Milo aria europea in un caleidoscopio di suoni, colori, tradizioni e naturalmente lingue differenti. Tutta la comunità milese è riuscita infatti a partecipare in maniera attiva mediante i numerosi incontri ed attività organizzate con i giovani, gli anziani e soprattutto le scuole. Il gemellaggio ha rappresentato una occasione unica e fortunatamente ripetibile per i cittadini dei tre comuni oltre che una opportunità privilegiata di confronto e soprattutto di conoscenza reciproca al di là dei luoghi comuni.

Ripercorriamone i momenti più salienti…

Francia, Italia, Polonia: 6 giorni insieme
Le principali attività

14/11/07: 1° Giorno
I cittadini della delegazione polacca e della delegazione francese sono stati accolti il primo giorno all’aeroporto Fontanarossa di Catania da un gruppo di milesi che immediatamente hanno provveduto a mettersi a disposizione e a presentarsi.
A Milo, intanto, era già pronta la festa di benvenuto per le due delegazioni. Una rappresentanza nutrita di cittadini milesi aveva infatti approntato un cocktail di benvenuto.
All’arrivo a Milo i cittadini francesi e polacchi sono stati accolti dalle autorità municipali.
Dopo le presentazioni di rito e i saluti, le due delegazioni sono state accompagnate nei rispettivi alloggi per permettere loro di sistemare i bagagli. La serata si è poi conclusa con la cena.

15/11/07: 2° Giorno
La mattina del secondo giorno è stata dedicata alla visita del territorio al fine di permettere ai cittadini Francesi e polacchi di prendere “confidenza” con i luoghi e le persone.
Nello specifico le due delegazioni hanno visitato la sede del Parco dell’Etna e il rifugio Sapienza. Il pranzo è stato particolarmente importante poiché curato proprio da un gruppo di cittadini milesi che hanno voluto far gustare tipiche pietanze della zona Etnea.
Importantissima l’attività vissuta nel pomeriggio ovvero l’incontro con  i ragazzi della scuola e con gli anziani del Centro Incontro di Milo.
Piena ed entusiasta è stata la partecipazione di tutti. I Sindaci hanno ribadito l’importanza di creare occasioni di scambio e di visite reciproche soprattutto per i bambini e i ragazzi ovvero i cittadini dell’Europa di domani. La delegazione francese ha inoltre colto l’occasione per allacciare i contatti con i dirigenti scolastici delle scuole di Milo per futuri progetti insieme. Nello specifico La città di La Bourboule organizza ogni anno a fine giugno un festival internazionale del cinema per ragazzi e una delegazione di ragazzi milesi sarà invitata a partecipare all’evento.

16/11/07 3° Giorno
Il terzo giorno è stato dedicato ancora al confronto e al dialogo con i vari gruppi di cittadini milesi che hanno voluto esser parte attiva in tutta la durata del gemellaggio organizzando una serie di attività con le famiglie di Milo. Le delegazioni si sono divise in piccoli gruppetti che sono stati ospitati per tutta la mattinata a vivere la quotidianità della vita familiare milese. Il pomeriggio si è poi concluso con la visita della splendida città di Taormina.

17/11/07 4° Giorno
La città di Catania, ovvero la provincia a cui appartiene Milo è stata la meta del 4° giorno. Nello specifico si è voluta dare l’opportunità soprattutto alla delegazione polacca di visitare il consolato della Repubblica di Polonia a Catania. Il Console polacco è stato in tale contesto invitato a partecipare alla cerimonia di gemellaggio.
Il pomeriggio è stato dedicato al confronto con le categorie produttive del Comune di Milo nel convegno: “50 anni dal trattato di Roma. L’Europa ieri a confronto con l’Europa di oggi. La sera si è conclusa con la cena in cui le due delegazioni incontrano i dipendenti del Municipio ovvero la “Cena dell’Amicizia”.

18/11/007 5° Giorno
Il quinto giorno può senza dubbio essere considerato il più importante. La giornata è iniziata con un’ultima visita alla casa comunale da dove i tre sindaci e le delegazioni di cittadini si sono recati in Chiesa per partecipare ad una Messa officiata nelle tre lingue. Subito dopo si è svolta, nei locali del Centro Servizi, la cerimonia del giuramento di fraternità e la sottoscrizione del documento di gemellaggio con la cittadina francese di La Bourboule e la promessa di gemellaggio con la cittadina Otmuchow della Polonia.
L’atmosfera, al di là delle forme ufficiali che la cerimonia richiedeva, ha veramente espresso lo spirito dell’iniziativa ovvero essere cittadini europei proiettati verso un’identità comune, pur nel rispetto delle peculiarità di ciascun popolo.
Si respirava aria europea e particolarmente emozionante è stato ascoltare e cantare gli inni nazionali e naturalmente l’inno europeo che ha concluso la cerimonia ufficiale dando il via allo scambio dei doni e ai discorsi dei Sindaci. I tre Sindaci hanno ribadito, a nome delle comunità che rappresentano, la ferma volontà di continuare in questa splendida avventura di condivisione, di scambio di amicizia tra le tre cittadine europee.
L’atmosfera di festa e di gioia è continuata per tutto il pomeriggio e anche la sera durante la cena dell’arrivederci.

19/11/07 6° Giorno
Il sesto giorno è stato dedicato agli scambi di indirizzi, di mail e ai saluti. Numerosi sono stati i contatti con i cittadini milesi e alla partenza delle due delegazioni un folto gruppo di milesi ha voluto salutare gli amici francesi e polacchi con la promessa non solo istituzionale, ma soprattutto amicale di rivedersi presto.

LA COMPOSIZIONE DELLE DELEGAZIONI
La composizione delle due delegazione era piuttosto varia e comprendeva una equilibrata rappresentanza dei vari ambiti sociali e produttivi.
Gli uomini e le donne erano equamente rappresentati e anche la suddivisione anagrafica corrispondeva al progetto presentato: circa il 60% delle due delegazioni era costituito dalla classe produttiva ovvero da cittadini di età compresa tra i 26 e i 65 anni. La rimanente parte ara suddivisa tra rappresentanti giovani al di sotto dei 25 anni e cittadini al di sopradei 65.

La rappresentanza amministrativa e politica della delegazione francese era composta oltre che dal Sindaco Jean Falgoux anche 1 assessore, 2 consiglieri e 1 impiegato  comunale. La delegazione francese era poi composta da un direttore di scuola, un geologo, un rappresentante di un’associazione ambientalista, una impiegata delle poste, qualche commerciante, degli allevatori e produttori, degli operatori turistici, studenti e liberi professionisti.

La rappresentanza amministrativa e politica del Comune di Otmuchow era invece composta dal Sindaco, dal Presidente del Consiglio, dal Vicepresidente e da un assessore. La delegazione polacca era poi composta da un dirigente scolastico, una insegnante, un medico, una rappresentante delle casalinghe, un direttore di banca, qualche agricoltore, liberi professionisti, studenti.

Per ciò che riguarda la partecipazione dei cittadini milesi si può veramente affermare che tutte le fasce di popolazione sono state ampiamente coinvolte attivamente nel gemellaggio. Dagli impiegati del comune che si sono adoperati nell’organizzazione ottimale dei 6 giorni di visita, alle scuole e pertanto ai bambini e ai loro genitori che si sono dimostrati interessati e disponibili al confronto, al dialogo e a futuri progetti. Non ultimo il coinvolgimento degli anziani che hanno potuto condividere ricordi lontani di tempi difficili e fortunatamente passati con gli esponenti più anziani delle delegazioni. E ancora indispensabile per la buona riuscita delle iniziative anche la collaborazione delle associazioni di Milo tra cui la ProLoco.

LA COMUNICAZIONE
Il problema della comunicazione è stato ben risolto mediante la collaborazione di numerosi cittadini milesi che hanno messo a disposizione le loro conoscenze linguistiche per tutta la durata del gemellaggio. Preziosa la collaborazione dell’Associazione “Amici dell’Europa” che grazie ai numerosi soci, anche di origine polacca, è stata un tramite importante per la reciproca comprensione.

PROPOSITI FUTURI 
Dopo la visita in Francia, nell’ottobre scorso di un gruppo di cittadini milesi nella città di La Bourboule  e la successiva visita della delegazione francese a Milo i contatti e il rapporti di amicizia si sono ulteriormente concretizzati e numerosi sono i propositi e i progetti per il futuro.
 Nello specifico la cittadina di la cittadina di La Bourboule, tra le tante attività realizzate, organizza ogni anno a fine giugno un festival internazionale del cinema per ragazzi. Mounsier Pidou, che si occupa di tale rassegna ha già proposto agli insegnanti delle scuole di Milo di far intervenire una delegazione di bambini e di ragazzi alla prossima edizione.
Con la cittadina  polacca, invece, si è proceduto a firmare una “Promessa di gemellaggio” pertanto il progetto futuro è quello di siglare un giuramento di fraternità durante il festival dei fiori che si terrà ad Otmuchow nei primi giorni di luglio. Il Sindaco di Otmuchow, JanWozniak, ha infatti già invitato il Sindaco di Milo, accompagnato da una delegazione di cittadini ad intervenire alla suddetta manifestazione.  

 


Guida alle attività commerciali
Ciao Lucio
Seguici su Facebook
Il paese
Manifestazioni
Informazioni turistiche
Fornazzo villaggio ideale d'Italia
Arte
NeT
Pro Loco
Gemellaggio
Incontro a Milo
Incontro a Otmuchow
Foto Milo
Foto Otmuchow
Foto La Bourboule 1
Foto La Bourboule 2
Etna Marathon